A proposito di...

Il mio messaggio di auguri per le festività natalizie

 

 

Care amiche, cari amici,

è dalla sede del Parlamento europeo di Strasburgo che rivolgo a tutti voi il mio messaggio augurale per le imminenti festività.

L’anno che sta per chiudersi lascia dietro di sé immagini che non saranno cancellate facilmente dalla nostra mente.

La minaccia del terrorismo è tornata prepotentemente sulla scena mondiale mettendo a repentaglio quelle libertà e quei diritti della comune civiltà che sono parte integranti dei nostri valori.

Il 2015 e´ stato anche l´anno dei flussi migratori dai teatri di guerra verso il nostro continente che hanno messo a dura prova l´Europa e i singoli Paesi impegnati a fronteggiare una sfida senza precedenti.

Ma il 2015 lascia in eredità anche gli splendidi fotogrammi di Samantha Cristoforetti sulla Stazione Spaziale internazionale, lo straordinario successo di EXPO che ha ridato al mondo un´immagine positiva del nostro Paese ed ha fornito spunti importanti su come nutrire il pianeta, senza dimenticare le emozioni regalateci da Papa Francesco con la recente apertura della porta Santa e l´inizio del Giubileo.

E´ proprio dal messaggio di pace e di fraternità universale lanciato dal Papa che dobbiamo ripartire per rendere le imminenti festività natalizie, non soltanto una ricorrenza, ma un richiamo affinché l’intera umanità riscopra il senso del proprio rapporto con il mondo ed intensifichi ogni forma di dialogo, specie quello tra fedi e culture diverse, pietra miliare per lo sviluppo e la pace nel mondo.

La cultura del dialogo, specie tra religioni, è il solo strumento efficace nel lungo periodo per non cedere alle provocazioni di chi minaccia l’umanità in nome di Dio.

E proprio per portare avanti ogni forma di pace e tolleranza, il 2016 deve essere un anno di coraggio perché non dobbiamo piegarci alla paura, ma reagire contrastando la piaga del terrorismo, per assicurare i valori sui quali si costruisce la pace e senza i quali rischia di essere inesorabilmente messa in discussione.

Limitare le nostre libertà equivarrebbe a cedere al terrorismo e tradire quei principi di democrazia e tolleranza che sono il simbolo di conquiste politiche, economiche e culturali, parte integrante della nostra identità.

In questo scenario mondiale dove regnano paura e terrore è impossibile negare che il processo di integrazione europea viva uno dei momenti più complessi della sua storia.

L’obiettivo di realizzare il sogno federalista dei Padri Fondatori ha consentito alla costruzione europea di superare antichi steccati, conseguendo traguardi ambiziosi come la moneta unica e la liberalizzazione delle frontiere interne, ma appare evidente che la crisi economica e la gestione dell´emergenza terroristica e migratoria hanno messo a nudo le crepe di un’architettura istituzionale ancora incompiuta e incapace pertanto di rispondere alle mutate esigenze dei cittadini Europei.

Occorre pertanto un nuovo slancio che con lungimiranza e visione strategica consenta all´UE, troppo spesso percepita come lontana dalla realtà´, di governare i fenomeni globali che nel mondo si vanno delineando, conquistando la fiducia delle giovani generazioni a volte incapaci di apprezzare il valore del disegno comunitario.

Coraggio, speranza e dialogo, sono questi propositi che dovranno animare i nostri cuori.

E´ con queste parole che vi lascio, formulandovi i miei più calorosi auguri di Buon Natale e Felice anno nuovo con la speranza che il 2016 possa essere un anno migliore per tutti.

buone feste

 

RASSEGNA STAMPA

CB LIVE – Sessione plenaria di Strasburgo, Patriciello: “L’Europa sia fiera delle proprie libertà”

GAZZETTA DI NAPOLI – Patriciello: l’Europa sia fiera delle proprie libertà.

SALENTO POCKET – Sessione plenaria di Strasburgo, On. Patriciello: “L’Europa sia fiera delle proprie libertà”

I FATTI DI NAPOLI – UE: Sessione Plenaria di Strasburgo. Patriciello: “L’Europa sia fiera delle proprie libertà”

HG NEWS – Sessione plenaria di Strasburgo, Patriciello: “L’Europa sia fiera delle proprie libertà”

INFOSANNIO – Sessione plenaria di Strasburgo, Patriciello: “L’Europa sia fiera delle proprie libertà”

 

Commenta questo articolo