La mia Europa per Voi

europa_per_voi

MESSAGGIO GRUPPO PPE:

PROGRAMMA ELETTORALE 2014 – 2019

 

I. Un più alto livello di occupazione in un’economia sociale di mercato dinamica

   (Economia – crescita sostenibile e un più alto livello di occupazione)

Combattere la disoccupazione e creare lavoro in Europa

Il nostro obiettivo principale é combattere la disoccupazione. Il modo migliore per creare posti di lavoro é quello di consentire alle imprese, in particolare alle PMI, di superare la crisi in un ambiente economico stabile, e migliorare la competitività europea implementando le riforme necessarie. L’Europa ha bisogno di stabilità fiscale e di riforme strutturali per superare la crisi e raggiungere un più alto livello di occupazione.

Contemporaneamente nuove opportunità dovrebbero essere date alle persone in cerca di lavoro fornendo loro competenze aggiuntive e attrattive. Sconfiggere la disoccupazione giovanile sarà la battaglia principale: offrire maggiori possibilità di formazione e una buona educazione ai giovani faciliterà la loro integrazione nel mercato del lavoro. Crediamo che una vera politica sociale possa stimolare la crescita e investire nelle persone!

Una solida base per crescita e lavoro

L’Europa ha intrapreso azioni responsabili per ripristinare la sua credibilità e per combattere la crisi introducendo urgenti riforme collettive a livello europeo. Al fine di stimolare la crescita, il prossimo passo sarà quello di stabilire una genuina Unione Monetaria ed Economica, che fornirà la stabile struttura richiesta per l’economia europea.

A questo proposito, le misure sulla governance economica e il coordinamento macroeconomico, come per esempio le consultazioni preliminari EU sui bilanci nazionali, devono essere velocemente e totalmente implementati. Abbiamo bisogno inoltre di una solida disciplina dei mercati finanziari con un’unione bancaria come passo decisivo.

L’economia sociale di mercato necessita, inoltre, di finanze pubbliche stabili. Se l’Europa vuole mantenere buoni livelli di protezione sociale, abbiamo urgente bisogno di consolidamento fiscale. La disciplina di bilancio non é un capriccio. I giovani e le generazioni future meritano di vivere senza i fardelli del passato. La riduzione della spesa pubblica superflua é una condizione per la spinta della crescita economica e degli investimenti. Le scorciatoie proposte dai Socialisti sottopongono la nostra economia al rischio maggiore e più lungo di una profonda recessione.

Le riforme creeranno nuovi posti di lavoro e manterranno il business in Europa. L’assenza di riforme strutturali si tradurrà in minori opportunità per le prossime generazioni e in esclusione sociale.

Competitività dell’economia dell’UE

Il mercato unico rappresenta uno strumento potente per raggiungere i nostri obiettivi e salvaguardare la competitività delle nostre industrie. Esso necessita di essere ulteriormente rafforzato e le restanti barriere alla libera circolazione rimosse al fine di promuovere la crescita e gli scambi all’interno dell’UE. Supporteremo inoltre fortemente le PMI e promuoveremo l’imprenditorialità estendendo programmi tra cui ERASMUS per giovani imprenditori.

L’Europa sta inoltre affrontando la sfida dei crescenti prezzi dell’energia e del costo della vita. Ciò colpisce direttamente ciascun capofamiglia. Per contrastare ciò, vogliamo che l’economia europea usi meno risorse, gestendole però in maniera più efficiente. Dobbiamo creare una politica energetica europea integrata nonché ridurre la dipendenza energetica esterna dell’UE. Inoltre, passare a energie più pulite e a un loro uso più efficiente contribuirà sia alla lotta al cambiamento climatico che alla promozione della ricerca e dell’innovazione europee in aree orientate al futuro.

Investire in tutte le regioni europee

In tempi di crisi, più che mai, la solidarietà tra le regioni e i territori europei é fondamentale per ripristinare una crescita inclusiva in tutta l’Europa. La politica di coesione europea é una politica d’investimento per supportare sviluppo e crescita in tutte le regioni europee.

II. Sicurezza e migliore qualità della vita

     (Sicurezza e salute)

Sicurezza

Vogliamo che i cittadini europei vivano in una società sicura, affinché essi e i loro figli si sentano protetti. La nostra più grande preoccupazione é la difesa dei diritti dei cittadini, dei nostri valori e della nostra identità europea comune.

A questo proposito, combattere il crimine organizzato e il terrorismo é una grande priorità. In un’Unione che offre la libera circolazione delle persone all’interno delle proprie frontiere, risulta cruciale proteggere i confini esterni al fine di combattere l’immigrazione clandestina. Le moderne tecnologie e l’assistenza tra gli stati membri ci forniscono gli strumenti per controllare i nostri confini esterni, prevenire l’entrata di clandestini e creare un sistema di registrazione comune per disciplinare l’immigrazione legale.

Vogliamo aiutare e proteggere i rifugiati e le persone in cerca di asilo politico. É per questo che incoraggiamo le rapide procedure e le regolamentazioni degli ingressi in materia di asilo politico. Tuttavia il sistema d’asilo é utilizzato in maniera impropria. Se siamo sommersi da false domande d’asilo, sarà impossibile per l’Europa proteggere efficacemente i più vulnerabili e coloro che hanno veramente bisogno.

Dobbiamo in egual misura mettere fine allo sfruttamento sessuale, del lavoro e alla violenza contro le donne.

Qualità della vita

Vogliamo una migliore qualità della vita per i cittadini europei, un’Europa dove le persone sanno che i propri diritti sono difesi nella vita di tutti i giorni, a lavoro contro la discriminazione, quando viaggiano, come consumatori, quando effettuano i loro acquisti su internet, come pazienti, bambini o pensionati. Lottiamo per garantire i diritti e le libertà fondamentali con un sistema giudiziario efficiente.

Vogliamo che i cittadini europei beneficino di standard di vita elevati, di un migliore equilibrio tra la vita personale e privata, di nuove opportunità per tutte le generazioni, inclusa una partecipazione attiva delle donne nella vita professionale e sociale, per avere la possibilità di viaggiare e di vivere in un altro paese mantenendo, al contempo,  i diritti alla pensione; per godere di un sano e attivo ritiro dal lavoro.

Una migliore qualità della vita significa anche vivere in un ambiente più pulito, migliorare l’assistenza sanitaria, assicurare l’accesso alla cultura per tutti e un’alimentazione sicura e di buona qualità. Per garantire un’alimentazione sana, l’Unione Europea deve dotare gli operatori del settore di un’agricoltura e di settori della pesca socialmente funzionanti, competitivi e rispettosi dell’ambiente, così come un livello di vita corretto ed equo.

III. Pace e stabilità nel mondo globalizzato

      (Il ruolo dell’Europa nel mondo)

 

Un ruolo fondamentale per l’Europa nel mondo

L’Europa deve affermare il suo ruolo politico a livello mondiale e sviluppare una politica esterna credibile, visibile e coerente. Con la globalizzazione delle minacce e le sfide strategiche, così come le crisi economiche e ambientali, l’esigenza di una politica estera europea più forte ed efficace si fa sempre più pressante.

La rappresentazione dell’Unione Europea all’estero deve essere chiaramente definita e l’efficacia del Servizio europeo per l’azione esterna perfezionato per migliorare le capacità di previsione e reattività delle strutture europee di gestione della crisi. La politica di difesa dell’Unione Europea deve essere rafforzata a livello istituzionale, operativo, di capacità e strategico.

Il Parlamento Europeo deve assicurare il suo ruolo nella definizione dell’azione esterna dell’Unione in termini di diplomazia parlamentare. Deve ugualmente garantire un esame minuzioso della politica di sicurezza e di difesa comune e dei suoi organismi.

Costruire una cooperazione transatlantica solida

La relazione tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America é un pilastro della politica esterna europea poiché contribuisce alla sicurezza collettiva. Dobbiamo costruire una solida e profonda cooperazione transatlantica basata su rispetto e comprensioni reciproci, al fine di proteggere a lungo termine i valori condivisi dai due continenti. E’ richiesto un nuovo tipo di collaborazione per far fronte alle sfide mondiali. Concretamente, questo dovrà essere tradotto con una cooperazione politica strutturata e con la creazione di un mercato transatlantico unificato, pratico e competitivo attraverso la conclusione del Partenariato transatlantico di commercio e di investimento. Una strategia comune deve essere poi adottata in risposta alle questioni riguardanti la sicurezza dell’approvvigionamento energetico, della proliferazione del nucleare e del terrorismo.

Stabilità nei paesi vicini del Sud e dell’Est

La stabilità e la democrazia dei paesi vicini all’Europa é cruciale per la sicurezza stessa dell’Europa. L’apertura verso il Sud costituisce una sfida importante come quella verso l’Est. La collaborazione con i paesi dell’Est é un’opportunità unica per incoraggiare il dialogo, favorire al contempo lo sviluppo economico della regione permettendo un’integrazione graduale nell’economia europea. L’Unione Europea deve coinvolgere in maniera più significativa i paesi Mediterranei e il mondo Arabo al fine di ottenere una situazione di pace e prosperità. Nel fare ciò, L’UE deve incoraggiare un maggiore coinvolgimento della società civile nella diffusione dei valori della tolleranza e del rispetto reciproco, promuovendo un più attivo supporto alle imprese locali e agli investimenti diretti, e giocare un ruolo proattivo nella promozione di una soluzione dei due stati nel medio Oriente.

Difendere i diritti dell’uomo

L’UE come vincitrice del premio nobel per la pace 2012 ha una responsabilità ancora più forte nel promuovere la democrazia, lo stato di diritto e la difesa dei diritti umani in tutto il mondo. Deve impegnarsi attivamente nell’ “esportazione” delle sue esperienze fruttuose nella costruzione di pace e democrazia.

Una politica di sviluppo efficace e responsabile

L’UE, come il più grande fornitore di aiuto allo sviluppo, dovrebbe continuare a guidare la lotta contro la povertà. Deve giocare un ruolo politico attivo e incoraggiare i paesi più ricchi a intensificare i loro sforzi e migliorare l’effettività e l’efficacia degli aiuti. Una più grande responsabilità dei paesi in via di sviluppo e una più grande integrazione di standard di tutela dei diritti umani sono egualmente necessari per un dialogo costruttivo che mira alla realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio.

IV. Più integrazione per una maggiore stabilità e prosperità: uscire più forti

      (Il futuro dell’Europa)

Il futuro dell’Europa é a un crocevia. Con un tasso di disoccupazione elevato, una bassa crescita, un forte livello di debito e una crescente esclusione sociale, il nostro continente deve far fronte a una crisi economica, sociale e identitaria.

L’Europa ha adottato azioni responsabili per reagire alla crisi finanziaria ed economica, ma dobbiamo perseguire i nostri sforzi per ottenere una crescita sostenibile e offrire delle nuove opportunità per il futuro, a tutti i cittadini europei, e in particolar modo alle nuove generazioni.

Possiamo emergere ancora più forti dalla crisi!

 

Un’economia sociale di mercato per un prospero futuro in Europa

L’economia europea deve essere correlata al principio di economia sociale di mercato, un modello che combina coscienza sociale e principi di mercato dinamico, che ha, nel corso degli ultimi decenni, assicurato un livello di vita elevato e dei vantaggi sociali e di salute per tutti i cittadini europei in difficoltà. Lavoro, crescita e business sono i tre pilastri dell’economia sociale di mercato.

Dobbiamo difendere questo modello europeo, perché é il migliore modo per raggiungere una crescita sostenibile, un tasso d’impiego elevato e un prosperoso futuro in Europa.

Dobbiamo anche investire nel sistema educativo. Una buona educazione per i giovani e l’apprendimento a lungo termine sono elementi essenziali per un’economia dinamica e innovativa con migliori prospettive sul mercato del lavoro per i cittadini – il miglior mezzo per poter mantenere le imprese e i lavoratori in Europa.

Un’unione economica e monetaria per una maggiore stabilità

Al fine di raggiungere questi obiettivi, abbiamo la necessità di creare la giusta base per una stabilità a lungo termine, stabilendo una vera Unione economica e monetaria. Abbiamo bisogno di una maggiore integrazione per una maggiore stabilità e prosperità.

Plasmare un’Europa per i cittadini

L’Europa conta sui suoi cittadini. Vogliamo modellare un’ Europa per i cittadini. Le proposte dei cittadini, la partecipazione e il coinvolgimento attivo sono per noi essenziali. Difendere i diritti dei cittadini é una grande priorità. La Carta dei diritti fondamentali dell’UE é il nostro principale strumento e vogliamo assicurare la sua corretta applicazione attraverso un dialogo ampio con la società civile.

Finanze pubbliche europee sane

Il budget dell’UE rappresenta meno dell’1 % del PIL europeo per 500 milioni di abitanti. Facendo fronte alla crisi, il budget dell’UE dovrebbe essere più flessibile per essere in grado di finanziare le sue politiche. Un nuovo sistema di risorse proprie dovrebbe rendere più trasparente il finanziamento dell’UE. Gli Stati membri dovranno farsi carico della buona gestione dei fondi dell’UE, visto che l’ 80% dei fondi sono implementati a livello nazionale e messi a disposizione sotto il controllo vigilante della Commissione europea.

Allargamento

Il successo della politica di allargamento dell’UE é una delle condizioni per la promozione dei valori europei. Così come la stabilità e la prosperità, il consolidamento dei principi di libertà, democrazia, stato di diritto e della diffusione dell’economia di mercato é uno strumento essenziale. Il Gruppo PPE crede fermamente che la politica di allargamento debba restare una potente leva politica.